E Mërkurë, 10.16.2019, 12:29pm (GMT+1)

Ballina Linqe Stafi Kontakt
 
 
::| Fjala:       [Advance Search]  
 
Gjithë lajmet  
LAJMI I FUNDIT
OPINONE-EDITORIALE
ZVICRA
INTERVISTË-PRESS
SHQIPTARËT
LAJME NDËRKOMBËTARE
POLITIKË
DIASPORA NË ZVICËR DHE BOTË
PERSONAZH
ART KULTURË
DOSSIER
KËNDI I SHKRIMTARIT
HOLLYWOOD
AFORIZMA
GOSSIPE
SPORT
::| Newsletter
Emri juaj:
Emaili juaj:
 
 



 
ZVICRA
 
Svizzera
E Shtunë, 08.01.2009, 12:47pm (GMT+1)

 

 

La Confederazione Svizzera (in tedesco Schweizerische Eidgenossenschaft, in francese Confédération suisse, in romancio Confederaziun svizra), comunemente abbreviata in Svizzera (in tedesco Die Schweiz, in francese Suisse, in romancio Svizra), anche conosciuta come Confederazione elvetica (in quanto traduzione della denominazione latina Confœderatio Helvetica), è uno Stato federale dell' Europa centrale, composto dai 26 cantoni. Confinano a nord con la Germania, ad est con l'Austria e il Liechtenstein, a sud con l'Italia e ad ovest con la Francia.

 

La Svizzera è un paese alpino senza sbocco al mare, il cui territorio è geograficamente diviso tra il massicio del Giura, l’Altopiane e le Alpi. Formano in totale una superficie di 41,285 km². I 7,5 milioni di abitanti si concentrano soprattutto sull'Altopiano, dove vi si trovano le maggiori città: Zurigo, Ginevra e Basilea. Le due prime sono piazze finanziarie internazionali e vengono anche spesso considerate come avendo la qualità di vita più elevata al mondo.Con un reddito pro capite pari a 52.600 franchi svizzeri nel 2004 (33.000 Euro), la Svizzera è uno dei Paesi economicamente più prosperi al mondo. Tre quarti della forza lavoro sono attivi nel settore terziario.

La Svizzera è suddivisa in tre regioni linguistiche e culturali: tedesca, francese, italiana, a cui vanno aggiunte le valli del Canton Grigioni in cui si parla il romancio. Il tedesco, ilfrancese, l’italiano sono lingue ufficiali e nazionali. Il romancio è lingua nazionale dal 1938 ed è parzialmente lingua ufficiale dal 1996. Alla divisione linguistica si aggiunge quella religiosa con i cantoni protestanti e i cantoni cattolici.

 

Gli svizzeri quindi non formano una nazione nel senso di una comune appartenenza etnica, linguistica e religiosa. Il forte senso di appartenenza al Paese si fonda sul percorso storico comune, sulla condivisione dei miti nazionali e dei fondamenti istituzionali (federalismo, democrazia diretta, neutralità), sulla geografia (Alpi), sulle piccole dimensioni in mezzo ai giganti europei e in parte sull'orgoglio di rappresentare un caso particolare in Europa.

La politica estera è contraddistinta dalla tradizionale neutralità. La Svizzera fa parte delle Nazione Unite (dal 2002), dell'EFTA, del Consiglio d’Europa, dell'Organizzazione mondiale del commercio.. La Svizzera ospita numerose organizzazioni internazionali, in particolare a Ginevra dove vi si trovano la sede della Croce Rossa e la sede europea dell'ONU. La capitale federale della Svizzera è Berna che è anche la capitale dell'omonimo cantone.

 

Etimologia

 

Il nome odierno Svizzera proviene da Svitto (tedesco: Schwyz), uno dei cantoni Waldstätten che formavano il nucleo della Vecchia Confederazione. Il nome Svitto è attestato per la prima volta nel 972 come il villaggio di Suittes ed è forse legato all'alto tedesco antico suedan "bruciare", riferendosi alle foreste bruciate per creare nuovi spazi per gli insediamenti. Il nome è poi stato usato per il cantone e finalmente per l'intera confederazione.

Il nome antico Elvezia (latino: Helvetia) proviene dagli elvezi, una popolazione celtica stabilita sul altopiano svizzero prima dell'era romana. Il nome degli elvezi è menzionato per la prima volta VI secolo a.C. Il nome neo-latino Confoederatio Helvetica o Helvetia viene usato quando non conviene l'uso di una o di tutte le lingue nazionali. Perciò, il nome appare sui francobolli, monete e altri.

 

Storia

 

La Svizzera esiste nella sua forma attuale soltanto dall'adozione della costituzione federale del 1848. I precursori della Svizzera hanno stabilito un'alleanza protettiva dalla fine del tredicesimo secolo, formando una confederazione di stati independenti che ha persistito per secoli.

 

Prima del 1291

 

Le più antiche tracce di presenza umana in Svizzera risalgono a circa 150 000 anni fa. Gli insediamenti agricoli più remoti ritrovati in Svizzera sono quelli di Gächlingen, che si fanno risalire al 5300 a.C circa.

 

L'insediamento celtico più conosciuto della Svizzera è quello di La Tène, sul lago di Neuchâtel, che ha dato il nome alla cultura della tarda età del ferro avente inizio intorno al 450 a.C. Una delle popolazioni celtiche più importanti in svizzera erano gli elvezi. Nel 58 a.C., Giulio Cesare impedì agli elvezi di installarsi al di fuori dell’altipiano svizzero e questi ultimi furono disfatti alla Bataglia di Bibracte dalle armate di Giulio Cesare. Nel 15 a.C., Tiberio I, che era destinato a diventare il secondo imperatore romano, e suo fratello Druso, conquistarono le Alpi, integrandole nell’Impero romano. L'area occupata dagli elvezi fu prima parte dalla provincia della Gallia Belgica e poi della Germania superiore, mentre la parte est della Svizzera moderna fu integrata nella provincia della Rezia.

 

Durante l'alto medioevo, dal quarto secolo, la parte ovest della Svizzera odierna era compresa nel territorio dei Burgundi. Gli Alemanni occuparono l'altopiano nel quinto secolo e le Alpi nell'ottavo secolo, formando l'Alemannia. I territori della Svizzera moderna erano pertanto divisi tra i regni dell'Alemannia e della Burgundia. L'intera regione fu compresa nell'impero dei Franchi nel sesto secolo, seguendo la vittoria di Clodoveo I sopra gli alemanni nel 504 d.C., e dopo con la dominazione dei Franchi sui Burgundi.

 

Attraverso il resto del sesto secolo, del settimo e ottavo secolo, le regioni svizzere continuarono sotto l'egemonia Franca (Merovingi e Carolingi). Ma dopo la sua massima estensione sotto Carlo Magno, il regno franco fu diviso dal Trattato di Verdun nel 843. I territori della Svizzera odierna furono divisi tra Lotaringia e Regnum Teutonicorum finché vennero riuniti sotto il Sacro Romano Impero verso l'anno 1000.

Verso il 1200, l'altopiano svizzero comprendeva le case di Savoia, Zähringen, Habsburg dhe Kyburg. Ad alcune regioni (Uri, Svitto, Unterwaldo, conosciute più tardi sotto il nome Waldstätten) fu accordata l’immediatezza imperiale per garantire all'impero il controllo sui passi alpini.

 

La Confederazione

 

La storia della confederazione ha inizio il 1 agosto del 1291, quando i rappresentanti delle comunità montane di Uri, Svitto e Untervaldo (detti Cantoni primitivi o  Waldstätte) si riunirono sul prato del Grètli, sulle sponde del Lago dei Quattro Cantoni, e stipularono il giuramento di alleanza eterna che costituisce la nascita della Confederazione. Il Patto eterno confederale costituiva una lega difensiva volta ad estromettere dalle valli gli Asburgo. A Morgarten (1315), Sempach (1386) e Näfels (1388) la fanteria confederata inflisse tre clamorose sconfitte agli Austriaci. Nel contempo nuovi cantoni aderivano alla confederazione: con l'adesione di Lucerna, Zurigo, Glarona, Zugo e Berna si costituisce la cosiddetta Conferderazione degli otto cantoni.

 

Nel corso del XV secolo gli Svizzeri assoggettano i territori di Argovia e Turgovia e ottengono l'alleanza di Ginevra, Vallese, San Gallo, Appenzello e Grigioni. Nel XVI secolo Carlo il Temerario di Borgogna è sconfitto a Grandson e Morat. Adesione di Friburgo e Soletta. Nel 1501 aderisce Basilea. Intanto Uri, con l'aiuto di Untervaldo, passa a sud delle Alpi e conquista la valle settentrionale del fiume Ticino. Nel corso del secolo si diffonde in Svizzera la Riforma Protestante introdotta da Ulrico Zwingli a Zurigo e da Giovanni Calvino a Ginevra, che diviene la "capitale" del protestantesimo. Le guerre di religione che infuriano in tutta l'Europa non risparmiano il paese (lo stesso Zwingli muore sul campo di battaglia). Berna conquista il Canton Vaud e vi diffonde il Protestantesimo. I cantoni rurali rimangono generalmente cattolici, mentre i cantoni "cittadini" accolgono la Riforma. È nel villaggio di Glarona (capoluogo dell'omonimo cantone) che viene giustiziata l'ultima strega in Europa, Anna Goeldi - siamo nel 1782.

 

Nel 1648 con la Pace di Westfalia viene riconosciuta l'indipendenza della Svizzera dall’Impero (nello stesso trattato ottengono l'indipendenza anche i Paesi Bassi). Nel 1798 la Svizzera è invasa dalle truppe rivoluzionarie francesi e trasformata in una repubblica unitaria: la Repubblica Elvetika. Non ci sono più cantoni ma solo semplici unità amministrative, sul modello dei Départements francesi. Nel 1803 Napoleone fa tornare la Svizzera uno stato confederale tramite l'Atto di Mediazione. Da questo momento non ci sono più territori soggetti ad altri cantoni (i baliaggi); ogni cantone è messo sullo stesso piano degli altri. Nascono così i cantoni Argovia, Grigioni, San Gallo, Turgovia, Ticino e Vaud. Finita l'era napoleonica, al Congresso di Vienna del 1815 vengono riconosciute internazionalmente le frontiere esterne della Svizzera e quelle interne tra cantoni. Le grandi potenze impongono al Paese la «neutralità armata permanente» per sottrarlo all'influenza francese. Ai 19 cantoni della Mediazione si aggiungono Neuchâtel, Vallese e Ginevra. Il Patto federale (1815-1848) restaura la confederazione di cantoni sovrani, che avevano perso la loro autonomia sotto il dominio napoleonico.

 

Lo stato federale

 

Nel 1845 i cantoni conservatori-cattolici costituiscono una propria lega (Sonderbund). La Guerra del Sonderbund è rapidamente vinta dai cantoni liberali. Nel 1848 entra in vigore una nuova costituzione: la Svizzera, da confederazione di stati, diventa uno stato federale.

 

Nel 1979 Il Canton Giura si stacca da Berna e diventa il ventiseiesimo cantone. Nel 1971 in un referendum gli elettori maschi decidono che anche le donne hanno diritto al voto a livello federale. Nel 1984 Elisabeth Kopp del Partito radicale è la prima donna eletta ministro. A livello cantonale l'ultimo cantone a adeguarsi è Appenzello Interno, che introdurrà il suffragio femminile solo nel 1990, per decisione del Tribunale federale.

Nel 1986 in un plebiscito gli elettori rifiutano di entrare nelle Nazioni Unite. Nel 1992 rifiutano di partecipare all'area economica europea. In questa occasione il paese si divide tra la Romandia (Svizzera francese) favorevole a un'integrazione nell'Unione Europea e la Svizzera tedesca e italiana che vogliono mantenere la separazione culturale ed economica dagli "Europei". Si dice che la Svizzera tedesca tema la Germania e la Svizzera italiana tema l'Italia. Un accordo è invece raggiunto con le maggiori organizzazioni capitalistiche mondiali, la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale.

 

Nel 1999 Ruth Dreifuss è la prima donna presidente. Dopo una nuova votazione popolare, questa volta con esito positivo, la Confederazione entra ufficialmente nelle Nazioni Unite il 10 settembre 2002.

Negli ultimi anni, la tradizionale reputazione della Svizzera come terra di virtù civile, pace e prosperità è particolarmente scossa da due eventi che segnano profondamente l'immaginario collettivo elvetico.

In seguito ad accuse da parte di organizzazioni ebraiche americane, secondo le quali, beni depositati da cittadini ebrei in banche svizzere, prima e durante la Seconda Guerra Mondiale non sarebbero stati restituiti ai legittimi proprietari, si riaccende una vasta discussione interna sul ruolo della Svizzera nel conflitto (fino a quel momento piuttosto idealizzato in conformità al mito della neutralità elvetica) e sul suo rapporto con il regime nazista tedesco. Alcune colpe vengono ammesse, e due delle maggiori banche del paese patteggiano nel 1998 il pagamento di $1,25 miliardi alle suddette organizzazioni per essere distribuiti alle famiglie delle vittime dell’ Olocausto.

A causa di errori di amministrazione e per la sfavorevole congiuntura internazionale, nel 2001 fallisce la compagnia aerea di bandiera Swiaair, per decenni orgoglio e simbolo della nazione (era chiamata la "banca volante"). Il grounding del 2 ottobre 2001 è vissuto da tutta la popolazione come un trauma collettivo.

L'autunno 2001 è segnato inoltre da altre due sciagure che hanno scosso il paese: il 27 settembre un forsennato irrompe nel parlamento cantonale di Zugo e uccide buona parte dei parlamentari a colpi di fucile. Il 24 ottobre, nel tunnel autostradale del San Gottardo (17 km) un incidente provoca 11 morti e la chiusura del tratto per alcuni mesi. Il traffico tra il Nord e il Sud dell'Europa resta paralizzato.

 

Geografia

 

La Svizzera è l'unico paese con territori estesi sia a sud che a nord della catena alpina. Ne risulta una diversità elevata di climi e paesaggi su uno spazio ristretto.

 

Morfologia

 

La Svizzera è un territorio prevalentemente montuoso. La struttura geologica della Svizzera è il risultato della convergenza delle zolle continentali africana ed europea negli ultimi milioni di anni. La Svizzera occupa tre regioni morfologiche principali: il Giura, una catena montuosa calcarea, l’altopiano centrale (Mittelland) e le Alpi. A queste vanno aggiunte due piccole regioni: l'estremo meridionale della Svizzera, ossia il Mendrisiotto, che morfologicamente fa parte della pianura Padana, e Basilea, che giace nel bassopiano renano.

Montagne

 

In Svizzera svettano complessivamente 74 cime oltre i 4000 metri, di cui 55 completamente nel territorio svizzero e 19 al confine con l'Italia. Le dodici cime più alte sono tutte nelle Alpi Vallesane. Il punto più elevato è rappresentato dai 4.634 m s.l.m. sul livello del mare della Punta Dufour del massiccio del Monte Rosa, poco distante dall'Italia, mentre la montagna più alta interamente nel territorio della Confederazione è il Dom, di 4.545 m s.l.m., tra Zermatt e Saas Fee. Il monte svizzero (condiviso con l'Italia) più noto al mondo è probabilmente il Matterhorn, anche conosciuto come Cervino (4.478 m s.l.m.), a sud di Zermatt. Anche il gruppo composto da Eiger (3970 m s.l.m.), Mönch (4.107 m s.l.m.) e Jungfrau (4.158 m s.l.m.) nelle Alpi bernesi è uno dei panorami più fotografati.

 

Fiumi

 

I maggiori fiumi svizzeri, tra cui i grandi fiumi europei Reno e Rodano nascono dal massiccio del San Gottardo, che dà alla luce anche il Ticino che scorre verso sud, e la Reuss, che forma a nord il Lago dei Quattro Cantoni. Tutti i fiumi svizzeri confluiscono nel Reno o nel Rodano, tranne il Ticino, che sfocia nel Po, e l’Eno, che nasce presso il passo del Maloja e si getta nel Danubio. Le Alpi svizzere fungono quindi da spartiacque, generando corsi d'acqua che si dirigono verso l’Oceano Atlantico, il Mediterraneo occidentale, il Mediterraneo orientale e il Mar Nero..

 

Il corso d'acqua più lungo nel territorio svizzero è il Reno, lungo 375 km, seguito dal suo affluente Aar con 295 km e dal Rodano con 264 km.

 

Laghi

 

A causa della sua struttura topografica e in eredità dalle ere glaciale, il territorio svizzero ospita circa 1.500 laghi, per la maggior parte laghetti di montagna.

 

Il lago con la maggior estensione in Svizzera è il Lemano (580,03 km², di cui il 60% in territorio svizzero), formato dal Rodano, su cui si specchiano Ginevra e Losanna. Con i suoi 536 km², il lago di Costanza, al confine con Austria e Germania e formato dal Reno, è solo leggermente meno esteso. A sud delle Alpi, il territorio Svizzero è bagnato da due laghi, il lago Maggiore (la parte in territorio svizzero è poco estesa (19,20 km²) in rapporto alla parte italiana), il cui emissario è il Ticino, e il lago di Lugano (o Ceresio) che si ramifica in territorio svizzero e italiano. Il lago Maggiore, (il cui pelo dell'acqua rappresenta il punto più basso della Svizzera: 193 m s.l.m.), prende il proprio nome erroneamente dal fatto che, anticamente, si credeva fosse il più grande tra i tre laghi presenti nella Regione Insubrica: in effetti il più esteso è il lago di Garda. I laghi più grandi completamente in territorio elvetico sono il lago di Neuchâtel (215,20 km²), il lago dei Quattro Cantoni (113,72 km²) e il lago di Zurigo (88,17 km²).

 

Ambiente

 

Flora

La vegetazione è tipicamente alpina e segue le fasce di altitudine. Le foreste di latifoglie arrivano fino a circa 1500 metri.

 

Fauna

 

Fra i componenti della fauna stanziaria (tipica alpina) svizzera, si possono citare: il camoscio, lo stambecco, il cervo, la marmotta, lo scoiattolo, la gazza, il picchio, il corvo, il martin pescatore, il falco, il lupo, la volpe, il chinghiale, il riccio, la lepre, la salamandra, il tritone, la trota, il salmerino alpino, il cavedano, il luccio, la coturnice, l’ermellino, il capriolo, il gallo cedrone, il francolino di monte.

 

Popolazione

 

Lingue

 

Le lingue parlate in Svizzera sono fondamentalmente quattro, ossia - in ordine per numero di locutori materni – il tedesco, il francese, l’italiano e il romancio. Le prime tre sono lingue "nazionali e ufficiali" a livello federale. Dal 1938 anche il romancio è "lingua nazionale" e dal 1999 è pure lingua ufficiale "nei rapporti [della Confederazione] con le persone di lingua romancia". Vale a dire che ogni documento ufficiale pubblicato in Svizzera deve essere disponibile in tedesco, francese e italiano, mentre se ne fornisce una versione in romancio solo su richiesta.

Il sistema scolastico è federalista, quindi in ogni cantone l'insegnamento viene impartito nella propria lingua, mentre è obbligatorio lo studio di un'altra delle tre lingue nazionali. Quasi tutti i programmi scolastici prevedono anche l'insegnamento come lingua straniera dell’inglese. Ogni cittadino svizzero ha il diritto di potersi rivolgere alle istituzioni nazionali in una delle tre lingue ufficiali e di ricevere risposta in tale lingua. Ciò vale anche per i romanci. Questo plurilinguismo, però, non vale a livello dei cantoni e dei comuni, in cui ogni territorio decide indipendentemente sulle questioni linguistiche a livello locale.

 

Nel 2000 il tedesco era parlato dal 63,7% degli svizzeri (in 17 cantoni), il francese dal 20,4% (in 7 cantoni), l’italiano dal 6,5% (unica lingua ufficiale del Canton Ticino e una delle tre lingue ufficiali, assieme al tedesco e romancio, nel Canton Grigioni), e il romancio dallo 0,5%. Il 9,0% della popolazione parla una lingua non nazionale. Queste percentuali includono infatti le persone senza la cittadinanza elvetica che vivono in Svizzera (20,5% della popolazione nel 2005). Se si tiene conto solo di cittadini svizzeri la situazione (censimento 2000) è la seguente: germanofoni 72,5%, francofoni 21,0%, italofoni 4,3%, romanciofoni 0,6%, altri 1,6%.

 

Gli svizzeri tedescofoni comunicano tra di loro usando in stragrande maggioranza il dialetto locale, spesso definito unitariamente "svizzero tedesco" anche se costituito in realtà da un insieme di varietà diverse. Questo fatto è dovuto anche alla volontà di differenziarsi dai tedeschi di Germania nel periodo del nazismo ed opporsi così alle ideologie pangermaniche (prima della Prima guerra mondiale in Svizzera era diffuso anche il tedesco standard), e di conseguenza anche alla crescente diffusione dell'uso del dialetto anche nei mass-media elettronici e nella società dello spettacolo a partire dagli anni 1960. Grazie a quest'evoluzione, lo svizzero tedesco viene ora utilizzato automaticamente in quasi tutti i registri linguistici del parlato. Non si può definire un idioma unitario, ma cambia da cantone a cantone e persino da paese a paese. Lingua ufficiale è comunque il tedesco standard (con minimali differenze di scrittura rispetto ad Austria e Germania), che è la forma universalmente usata nella comunicazione scritta anche dalla maggioranza dialettofona.

 

Religioni

 

Il 41% dei residenti svizzeri aderisce al cattolicesimo, il 40% alla Chiesa riformata svizzera (calvinista), il 2,5% a chiese riformate libere e il 4,3% all'islam (sostanzialmente appartenenti a ceti immigrati). L' 11,1% della popolazione svizzera non professa alcun credo religioso. Fra gli stranieri (circa il 20% della popolazione residente) il 44% è cattolico, il 5% protestante, il 17% cristiano ortodosso, il 18% islamico e il 2% non professa nessun credo. Il panorama religioso svizzero può essere visto in dettaglio sul sito dell'Amministrazione federale

 

Ordinamento dello stato

 

Politica interna

 

La base della Confederazione è nella Costituzione del 1848, la quale è stata modificata nel 1874 ed è rimasta inalterata fino alla votazione del 1999 (Vedi Nuova Costituzione), quando il popolo adottò una magna charta totalmente rinnovata. Tra gli stati moderni, la Svizzera è il solo ad essere governato tramite Democrazia diretta. Il parlamento svizzero, inoltre, non è composto da politici professionisti. Le camere federali si riuniscono quattro volte all'anno per tre settimane. Questo permette ai parlamentari di lavorare tra una sessione e l'altra. Nonostante i problemi che comporta il sistema dei politici part-time, vi è una forte opposizione popolare ad una sua eventuale modifica, poiché è convinzione comune che nelle situazione attuale i parlamentari siano più vicini ai problemi dei cittadini elettori e che, facendo anch'essi parte del mondo del lavoro, possano portare la loro esperienza professionale all'interno delle discussioni parlamentari.

 

Suddivisione

 

La Svizzera politicamente è una federazione di 26 stati chiamati cantoni, è stata una confederazione solo fino al 1848. Da quell'anno, pur mantenendo il nome di confederazione, si è trasformata in una repubblica federale. Tradizionalmente è sempre stata divisa in cantoni, termine tuttora ufficialmente e correntemente usato per indicare i vari stati, poiché la maggioranza di essi sono coestensivi con gli omonimi cantoni tradizionali (p.es. Repubblica e Cantone del Ticino, République et Canton de Neuchâtel); sei stati (Obvaldo e Nidvaldo, Basilea Città e Campagna, Appenzello Interno ed Esterno) sono però considerati in pratica mezzi cantoni, in quanto uniti a due a due formano tre cantoni tradizionali, che però in questo caso non hanno alcun titolo di ufficialità (rispettivamente Untervaldo, Basilea e Appenzello).

Cantoni della confederazione elvetica

 

Argovia, Appenzello Interno*, Appenzello Esterno*, Basilea Citta*, Basilea Campagna*, Berna, Friborgo, Ginevra, Glarona, Grigioni, Giura, Lucerna, Neuchâtel, Nidvaldo*, Obvaldo*, Sciaffusa, Svitto, Soletta, San Gallo, Turgovia, Ticino, Uri, Vallese, Vaug, Zugo, Zurigo.

 

 

(*) semicantone: i semicantoni Appenzello Esterno e Interno formano il Canton Appenzello, Basilea Città e Basilea Campagna formano il Canton Basilea, Nidvaldo e Obvaldo formano Untervaldo.

 

A livello federale il potere legislativo è esercitato da due camere, il Consiglio Nazionale e il Consiglio degli Stati. I cantoni svizzeri mantengono gran parte della loro sovranità. In alcuni piccoli cantoni (Appenzello, Glarona e Untervaldo) è ancora in vigore la pratica della Landsgemeinde: l'assemblea dei cittadini si riunisce all'aperto e vota per alzata di mano. Le lingue ufficiali della Svizzera sono tre: il tedesco, nella pratica lo svizzero-tedesco (Schwizerdütsch) che, per inciso non è una lingua a se stante ma un dialetto (65% della popolazione), il francese (dialetti francoprovenzali) (20%) e l’italiano (dialetti lombardi) (6.5%). A queste si aggiunge il romancio (meno dell'1%) parlato unicamente nel canton Grigioni

 

Politica estera

 

La politica estera della Svizzera è improntata da cinque secoli (dal 1515) alla neutralità. Questo non ha impedito di sviluppare, soprattutto negli ultimi anni, una politica estera attiva, tesa ad appianare le divergenze fra stati terzi ("i buoni uffici"), a promuovere attivamente i diritti umani e a garantire le basi naturali della vita (l'impegno per lo sviluppo e l'affermazione di un sistema ambientale internazionale). Il 10 settembre 2002, con l'approvazione popolare, la Svizzera è entrata a far parte dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), come centonovantesimo stato. La sede della croce Rossa si trova in Svizzera, a Ginevra, sin dalla sua fondazione. Nel 1960 la Svizzera ha dato vita all’Associazione europea di libero scambio (EFTA), ne è tuttora membro insieme con la Norvegia, il Liechtenstein e Islanda. Nel 1963 la Svizzera ha aderito al Consiglio d’Europa e nel 1975 all’Organizzazione për la Sivurezza e Cooperazione in Europa (OSCE). Membro anche dell’ Organizzazione per la Cooperazione e lo Svilupp Economico (OECD), nel 1992 la Confederazione è entrata a far parte del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e nella Banca Mondiale (WB)

 

La Svizzera e l'Unione europea

 

In generale la Svizzera affronta la politica europea, così come quella estera, con prudenza e pragmatismo. Dopo il fallimento di alcuni referendum su un'eventuale adesione (ma con margini molto ristretti: il primo di questi, sullo Spazio economico europeo nel 1992, venne respinto dal 50,3% dei votanti), la Svizzera, per evitare l'isolamento, ha dovuto scegliere una via bilaterale (basata cioè su accordi bilaterali) con l'Unione.

 

Nel 2000 un importante pacchetto di 7 accordi su, rispettivamente, libera circolazione delle persone, trasporto aereo, trasporti terrestri, agricoltura, ostacoli tecnici al commercio, appalti pubblici, ricerca, ha avuto l'avallo popolare. Questo pacchetto di 7 accordi è tenuto insieme dalla cosiddetta clausola ghigliottina: vale a dire, che se uno solo dei 7 accordi viene messo in discussione, cade l'intero pacchetto.

 

Nel giugno del 2005 la Svizzera ha aderito agli accordi di Schengen, negoziandone l'attuazione pratica in modo di mantenere controlli saltuari alle frontiere, e reclamando un eventuale diritto di rescissione. Il 25 settembre 2005, un altro referendum ha esteso l'accordo della libera circolazione delle persone ai 10 Paesi entrati nell'UE nel 2004 (il referendum riguardava solo questo accordo, in quanto gli altri 6 si erano già automaticamente estesi ai nuovi Paesi). Il 12 dicembre 2008 la Confederazione è entrata nell'area Schengen come 25° Paese, più nessun controllo alla frontiera per le persone, controlli ancora per le merci.

 

L’8 febbraio 2009 il popolo svizzero è stato chiamato a rispondere attraverso un referendum alla domanda se allargare l'accordo sulla libera circolazione delle persone anche alla Romania e alla Bulgaria e al rinnovo dello stesso accordo con gli altri stati Europei; il risultato è stato positivo con il 59,6% di preferenze.

 

Il 26 novembre 2006, sulla scia delle trattative bilaterali in corso, un ulteriore referendum ha permesso l'approvazione della Legge federale sulla cooperazione con i Paesi dell’Est: tale legge funge da base legale per il versamento di un miliardo di Franchi svizzeri (650 milioni di Euro), che avverrà a tappe nell'arco dei prossimi 10 anni, a sostegno dello sviluppo sociale ed economico dei 10 Paesi che hanno aderito all’UE nel 2004.

 

Città

 

Le due principali aree metropolitane svizzere, centri demografici ed economici, sono la regione di Zurigo e quella del lago di Ginevra (detta Arco Lemanico) che comprende le città di Ginevra e Losanna. Le due aree contengono entrambi circa 2 milioni di abitanti. Altre grandi città sono  Basilea e Berna che svolgono un ruolo maggiore nell'industria e nell'amministrazione.

 

Lugano e il centro urbano più importante sul versante sud delle alpi svizzere ed è anche la terza piazza economica del paese. Si distinguono anche, se non per il numero di abitanti ma per le loro posizioni particolari, le città di La Chaux-de-Fonds a oltre 1,000 metri di altitudine nel arco del Giura e quella di Davos che, a 1,560 metri di quota, può essere considerata la città più elevata d'Europa.

 

Le 10 città più popolose (abitanti residente nel comune)

 

Zurigo (380'000 abitanti)

Ginevra (186'000 abitanti)

Basilea (165'000 abitanti)

Berna (128'000 abitanti)

Losanna (124'000 abitanti)

Winterthur (100'000 abitanti)

Sann Gallo (74'000 abitanti)

Lucerna (57'000 abitanti)

Lugano (56'000 abitanti)

Bienne (49'000 abitanti)

 

Comuni e città più estese

 

Davos (284 chilometri quadrati)

Bagnes (282,6 chilometri quadrati)

 

Enclavi

 

Büsingen am Hochrein e Campione d’Italia sono enclavi estere in Svizzera e sono territorio doganale svizzero, ma territorio amministrativo estero. Il comune tedesco di Büsingen confina a nord con il cantone di Sciaffusa e a sud con i cantoni di Zurigo e Turgovia. Campione d’italia si trova all'interno del Canton Ticino, sul Ceresio.

 

Forze armate

 

Le forze armate svizzere sono composte dall'esercito e dall’aeronautica militare. Essendo senza sbocco al mare, la Svizzera non possiede una marina militare, ma sui laghi frontalieri vengono usate imbarcazioni militari. La particolarità dell'esercito svizzero è il sistema di milizia. I soldati professionali costituiscono soltanto circa il 5% del personale militare. Il resto è formato da cittadini tra i 20 e i 34 anni di età (in certi casi fino ai 50 anni). Agli Svizzeri viene proibito di servire in eserciti stranieri, fatta eccezione per la Guardia Svizzera Pontificia.

 

La struttura del sistema di milizia implica per il soldato il mantenimento del suo equipaggiamento personale, incluso il ben noto coltelino militare e l'arma personale, solitamente un fucile da combattimento. Questo suscita dibattito da parte di alcune associazioni e partiti politici. L'obbligo di servizio riguarda tutti i cittadini svizzeri maschi; le donne, infatti, possono servire solo su base volontaria. In generale i coscritti ricevono l'ordine di marcia verso i 19 anni per la coscrizione. Ogni anno 20.000 nuove reclute vengono addestrate per un periodo di tempo compreso tra le 18 e le 21 settimane. La riforma "Esercito XXI" è stata adottata per votazione nel 2003, e ha sostituito il modello precedente "Esercito 95", riducendo così il numero di effettivi da 400.000 a circa 210.000 unità, delle quali 130.000 in servizio attivo e 80.000 riservisti.

 

Nella storia, per assicurare l'integrità e la neutralità della Svizzera, sono state dichiarate tre mobilizzazioni generali. La prima è avvenuta con lo scoppio della guerra franco-prusiana nel 1870. La seconda è stata decisa nell'agosto 1914, all'inizio della prima guerra mondiale. L'ultima mobilizzazione è stata dichiarata in risposta all’attacco della Polonia da parte della Germania nel settembre 1939, occasione nella quale Henri Guisan fu eletto comandante in capo.

 

A causa della sua neutralità, la Svizzera non partecipa ai conflitti militari esteri, ma l'esercito può essere impiegato in missioni di pace. Dal 2000 il dipartimento militare gestisce anche il sistema di intercettazioni Onyx.

 

Bandiera

 

La croce bianca era un simbolo diffuso nei territori del Sacro Romano Impero Germanico. Fece la sua comparsa fra le armate svizzere, per la prima volta, nella battaglia di Laupen nel 1339. Tuttavia gli svizzeri continuarono ad usare le bandiere dei singoli cantoni. La prima bandiera unitaria fu il tricolore della Repubblica elvetica: verde, rosso e giallo utilizzato dal 1799 al 1803. Nel 1815, ricostituita la Svizzera su base federale, venne adottata la croce bianca in campo rosso come simbolo ufficiale della confederazione. Nel 1840, il generale Guillaume-Henri Dufour chiese l'adozione di un unico simbolo nazionale per l'esercito federale. Nel 1848, dopo la guerra del Sonderbund, la croce bianca in campo rosso divenne il simbolo del nuovo stato federale. Nel 1889 l'Assemblea federale regolamentò definitivamente anche le proporzioni della bandiera, quadrata, 1:1. Tuttavia a partire dalla seconda guerra mondiale la marina mercantile svizzera (sia marittima sia fluviale) utilizza la bandiera rettangolare, con la proporzione 2:3. (Da Wikipedia, l'enciclopedia libera)
www.voal-online.ch


Rating (Votes: )   
    Comments (0)        Dërgoja shokut        Printo


Other Articles:
Zvicra (08.01.2009)
UBS dhe SHBA gjejnë pajtimin (07.31.2009)
Zvicra përgatitet për 1 Gushtin Festën Kombëtare (07.31.2009)
Cugu mbetet qyteti ku jetohet më mirë (07.30.2009)
Vëllai i Madh zviceran në bunker (07.28.2009)
Gotardi do të mbyllet tri vjet? (07.26.2009)
Swiss automatizon check-inët (07.26.2009)
Bazeli kthen në atdhe Aleksandër Frein (07.20.2009)
Shkrimtarja zvicerane Marie-Luce Dayer dhe ShqiptaretNga Alfred Papuçiu (07.15.2009)
Të Gjelbërit kërkojnë një vend në qeverinë federale (06.29.2009)



 
::| Lajme të fundit
::| Kalendari
Tetor 2019  
D H M M E P S
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 

 
VOAL
[Shko lart]